L’assessore alla Cultura del Comune di Milano, Tommaso Sacchi presenta “How dare you? /Come ti permetti?”, il primo progetto di residenze d’artista ​per artiste ucraine, che abiterà diversi spazi della Fabbrica del Vapore fino ad aprile 2023. Il progetto sostenuto dal Comune di Milano e sponsorizzato da Vera Lab che nasce a partire dalla volontà di offrire alle artiste colpite dalla guerra in Ucraina un supporto esistenziale e morale per contribuire alla normalizzazione della loro vita sociale e della loro attività professionale.
A partire dai concetti di casa e di nomadismo, temi indissolubilmente legati alla corrente situazione sociopolitica che stanno vivendo artiste e artisti, il progetto finale – curato da Sergey Kantsedal con il supporto della project manager Antonella Prasse -racchiude e completa l’intero percorso di residenza incorporando la caratteristica principale che ha distinto la pratica delle sue protagoniste: l’unità indissolubile tra le modalità e i luoghi di produzione delle opere e di condivisione. 
 La mostra si svolge perciò in una duplice modalità: sarà infatti sia luogo di produzione attivo che spazio di restituzione del progetto. Ex Cisterne proporrà quindi una vera e propria “casa-museo” delle artiste Alina Kleytman e Katya Kopeikina e del loro connazionale Vladislav Plisetskiy, la cui uscita dall’Ucraina è stata resa possibile dal Governo ucraino proprio per consentirgli la partecipazione al progetto. L’idea, maturata durante la residenza, è di attivare uno spazio più intimo e simile a quello di una casa piuttosto che di allestire un’esposizione di tipo “tradizionale”. La prospettiva di avere un alloggio temporaneo, di abitare un luogo sconosciuto e produrre opere che dovranno viaggiare e spostarsi nel tempo è infatti la condizione connaturata alla temporaneità del progetto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − sette =