Tina Modotti – fotografa e attivista italiana – ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della fotografia contemporanea. I suoi celebri scatti sono il simbolo di una donna emancipata e moderna, la cui arte fotografica è indissolubilmente legata al suo impegno sociale. Il Centro Saint Bénin di Aosta le rende omaggio con la mostra “La Genesi di uno Sguardo Moderno” che ha l’obiettivo di analizzare il contributo che la Modotti ha dato nello sviluppo della fotografia in Messico.

Una ricerca nuova, inedita perché sebbene il talento dell’artista sia stato riconosciuto a livello internazionale, la sua audace biografia continua a influenzare, se non ad oscurare, la percezione del suo lavoro straordinario, creando un filtro per una comprensione puramente artistica.

La mostra promossa dall’Assessorato Beni culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, è a cura di Dominique Lora, in collaborazione con Daria Jorioz, dirigente della Struttura Attività espositive e promozione identità culturale della Valle d’Aosta, che ci spiega il progetto in mostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + tre =