Nella sua rubrica “Geotweet, il mondo che verrà in 140 secondi”, Graziella Giangiulio – condirettrice di AGCNEWS, agenzia giornalistica di analisi internazionali, geopolitiche, geoeconomiche – continua a parlare della guerra tra Hamas ad Israele questa volta concentrandosi sulla “info war“, ovvero il tentativo di dare una svolta alla situazione dei fronti attraverso l’informazione o la disinformazione.

Per Hamas è importante far passare le notizie che sostengono che il gruppo è supportato da molti elementi anche fuori i confini della Striscia di Gaza, per dare di sé l’immagine di una struttura potente ed incisiva con l’obiettivo di attrarre combattenti che perorinino la loro causa. Al contrario Israele ha bisogno di contenere le brutte notizie entro i propri confini per non peggiorare una condizione economica che ha già subito un attacco dopo la dichiarazione di guerra. E poi ci sono le fake news che Graziella Giangiulio smaschera una ad una.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 3 =